Cerca

sabrinabiancu

Vivi ogni giorno come se fosse l'ultimo, perché uno di questi giorni lo sarà

Mese

aprile 2016

Recensione da The Curly Haired Readers

header-SPRING

IL MONDO DELL’ALTROVE

di Sabrina Biancu

CASA EDITRICE: Marco Del Bucchia Editore

COLLANA: Vianesca/Poesia e narrativa
PAGINE: 116
PREZZO DI COPERTINA: 12,00 €
COPERTINA DI: Tommaso Jardella
LINK PER L’ACQUISTO:Qui

SINOSSI

Il testo è composto da cinque racconti, ognuno dei quali è un misto tra realtà e fantasia.
Ogni storia, infatti, è in grado di trasportare il lettore in un altro mondo, un luogo magico in cui a partire dall’essere più piccolo e insignificante ognuno non solo può parlare ma fare cose incredibili, mai immaginate prima.
Luoghi, fiori, animali, e stelle del cielo, ogni cosa è viva e insegna qualcosa d’importante, capace di far avvenire il tanto atteso cambiamento interiore o di destare da una realtà da cui si è intrappolati e non si riesce a uscire.
La forza da cui attingeranno i protagonisti la troveranno dentro di loro, grazie a una grande fede sempre avuta ma a tratti affievolita a causa di eventi spiacevoli che li hanno portati a dubitare di se stessi, e ritrovata dopo che degli amici inaspettati li hanno aiutati a superare le difficoltà e a ritrovare la fiducia in loro e in qualcosa di più grande di che non li ha mai abbandonati.
Ogni racconto però, oltre ad avere un forte insegnamento morale, può fare da stimolo per continuare a sognare chi ancora non ha perso il legame tra realtà e fantasia, e che usa l’immaginazione per spaziare nei luoghi interiori e della mente non accessibili a chi ha smesso di sognare e di stupirsi delle meraviglie della vita, e di quei mondi del cuore aperti a chi sa attraversarli ascoltando sempre se stessi. Per chi avesse perso questo contatto, invece, può fare da sprone per ritrovare la strada per un mondo magico, che esisterà sempre ma di cui a volte si perde la via.
Ogni storia viene un po’ da un altro mondo, un mondo che non è qui, è altrove.
RECENSIONE
Se ci seguite su Instagram saprete che Il mondo dell’altrove è arrivato in casa Curly solo ieri sera; oggi, però, sono già qui per recensirvelo. Com’è possibile? Beh, è possibile perché questo libro si legge davvero in pochissime ore, è scorrevole, le storie sono ben scritte e quando si inizia un racconto non si riesce a smettere di leggerlo.
Se devo essere sincera, leggendo la sinossi e il prologo pensavo che la raccolta raccontasse storie diverse, ma mi ha lasciato piacevolmente sorpresa. Quando si parla di fantasia, infatti, non si intende il solito mondo magico che tutti abbiamo in mente, fatto di maghi, draghi e chi ne ha più ne metta, ma si intende qualcosa di più “elevato”: infatti, in alcune storie troviamo un motore divino, mentre in altre il filo conduttore è il Fato, il destino.
Le due storie che mi hanno colpita di più sono la prima, Il ristorante della speranza, e la penultima, Lo spirito della fonte, ma in realtà tutti e cinque i racconti racchiusi in questo libroinsegnano qualcosa. È un libro che consiglio a tutti, agli adulti, ma anche ai più piccoli, perché è in grado di ammaliare e stupire.
L’unica nota negativa che devo fare a Il mondo dell’altroveriguarda probabilmente la casa editrice, perché molte volte si incontrano errori di battitura o di distrazione. Ci sarei passata sopra se il libro fosse stato un self-publishing, ma essendo stato pubblicato da una casa editrice, l’editor di Sabrina Biancu lo avrebbe dovuto ricontrollare meglio.
Boccolo in su: la semplicità con cui vengono raccontate le storie
Boccolo in giù: l’editor dell’autrice avrebbe dovuto controllare meglio che non ci fossero errori di distrazione.

Opinione da una cinica Viaggiatrice Pigra

prova333
http://www.amazon.it/gp/product/8847107857/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8847107857&linkCode=as2&tag=viaggiatricep-21
  (cliccando sull’immagine si va su Amazon)

Cinque racconti – in cui fantasia e realtà si mescolano – capaci di trasportare il lettore in un altro mondo, in un luogo magico. Capaci di farlo sognare. Ogni cosa è viva e insegna qualcosa d’importante. E ciascuna storia si trasforma nella tappa di un viaggio in cui si cresce e si matura a fianco di Elia, Rosy, Tea, Pietro, Desideria, André e della stellina Irina.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Come iniziare…”sembrano favole della buonanotte”, questo è stato il mio pensiero alle prime pagine.
Poi, ovviamente, il mio cinismo è salito e non ho potuto far a meno di trovarci difetti nelle trame troppo dolci e buone, per il mio gusto.
Sono favole che puntano alla bontà, a mostrare cosa voglia dire e cosa si ricavi ad essere bravi nella vita, che questo alla fine è sempre un bene. Favole, insomma. Secondo me anche da leggere ai bambini prima di farli addormentare…forse non tutte, ma molte si, perchè danno quella sensazione.
Storie vere ma anche magiche, fantastiche, che portano il lettore in molti luoghi e a conoscere molti protagonisti diversi tra di loro, ma con un filo comune, ogni storia si chiude con un insegnamento, quasi come un consiglio per chi legge.
Un libro veloce da leggere, piacevole, scorrevole e scritto bene.
Se siete cinici come me, può darsi che non vi piacerà molto, che metterete in dubbio e alzerete lo suguardo dalle pagine chiedendovi “ma davvero?!”;
Altrimenti, porebbe davvero piacervi e regalarvi qualche dolce oretta, magari prima di dormire.
 http://viaggiatricepigra.blogspot.it/2016/04/opinione-il-mondo-dellaltrove-di.html?m=1

50 persone che hanno cambiato il mondo

mahatma-gandhi

rita-levi-montalcini

papa-francesco

maria-teresa-di-calcutta

dalai-lama

margherita-hack

Senza alcuni personaggi che hanno abitato il pianeta Terra, nemmeno leggere questo articolo sarebbe possibile. Esistono uomini e donne, infatti, che hanno cambiato la storia dell’umanità, rendendola migliore. Da Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la Medicina, a Tim Berners-Lee, l’inventore di internet, ecco le 50 persone che hanno cambiato il mondo in meglio.


Il passaggio su questa Terra, per qualcuno, non è stato invano. C’è chi ha lasciato delle tracce di sé indelebili e indimenticabili. Esistono alcunipersonaggi che hanno davvero fatto la storia. Molti l’hanno segnata in maniera negativa, ma tanti altri in modo positivo. Ecco, quindi, le 50 persone che hanno cambiato il mondo in meglio. Solo grazie a loro, ora sono disponibili innovazioni tecnologiche, ma anche diritti fondamentali e conquiste sociali che hanno rivoluzionato la vita di molti individui.
Albert Einstein

Fisico e filosofo della scienza, sua è la teoria della relatività. Tra i suoi tanti meriti, l’aver rivoluzionato il paradigma di interpretazione del mondo fisico.
Alan Turing

Ha gettato le basi della moderna informatica e ha permesso di decifrare i messaggi in codice nazisti. Senza il suo lavoro forse oggi l’Europa sarebbe ancora nazista.
Steve Jobs

Fondatore della Apple, il visionario imprenditore ha dato vita al primo vero computer personale. Il suo impero dell’informatica ha creato anche l’iPhone e altri prodotti ormai indispensabili.
Leonardo da Vinci

Il pittore e inventore fiorentino ha rivoluzionato gli studi sull’aerodinamica, sulla fisica e sull’anatomia. Sua l’opera d’arte più famosa del mondo, La Gioconda.
Rosa Parks

Rifiutandosi nel 1955 di lasciare il suo posto a un bianco sull’autobus, la Parks è diventata simbolo della lotta per i diritti degli afroamericani.
Bill Gates

L’inventore dei moderni personal computer è stato più volte decretato l’uomo più ricco del mondo. Suo il merito di aver diffuso l’informatica in tutte le case.
Diana Spencer

Sfortunata ex moglie del principe Carlo d’Inghilterra, Lady D con la sua forza e la sua grazia è stata ed è tutt’ora un esempio per tante donne.
Fratelli Lumiere

Gli inventori del cinematografo. Senza di loro, probabilmente, non esisterebbe Hollywood e nemmeno tutta l’industria del cinema.
Giovanni Paolo II

Uno dei papi più amati, Wojytila ha condotto il suo mandato all’insegna della pace e del contatto con i giovani. Per queste e altre ragioni, è stato proclamato santo molto presto.
Evita Peron

Figura controversa della storia argentina e moglie di un dittatore, Eva Peron si è sempre spesa, nella sua breve vita, per migliorare le condizioni in cui versava il popolo argentino negli anni Quaranta del Novecento.
Steve Wozniac

Senza il genio dell’informatica Steve Wozniac, la Apple non sarebbe mai esistita. Fu lui negli anni Settanta a progettare i primi computerdell’azienda di Cupertino.
Tiziano Terzani

Un grande giornalista, apprezzato in patria solo negli ultimi anni prima della morte. Instancabile viaggiatore e cronista, la pace tra i popoli è stato il filo conduttore delle sue ultime opere.
Simone de Beauvoir

Compagna del filoso Sartre, è l’autrice de Il secondo sesso, opera fondamentale per ilmovimento femminista del ventesimo secolo.
Thomas Edison

L’inventore della lampadina a incandescenza. L’imprenditore americano è stato uno dei progettisti più prolifici del suo tempo.
Nelson Mandela

L’uomo che ha liberato il Sud Africa dell’Apartheid. Questo basta per inserire l’ex presidente africano tra le 50 persone che hanno cambiato il mondo in meglio.
Tim Berners-Lee

L’inventore del World Wide Web, ovvero di Internet. Grazie a lui, l’informazione ora è accessibile gratuitamente a tutti.
Mahatma Gandhi

Grazie alla non violenza e alla disobbedienza civile, il politico pacifista è riuscito a ottenere l’indipendenza per l’India.
Margherita Hack

La scienziata italiana ha avuto il merito diraccontare l’astronomia in maniera più semplice e accattivante, avvicinando anche le persone comuni a questa disciplina.
Martin Luther King

Il pastore protestante americano è stato un leader dei movimenti per i diritti civili. La conquista di pari diritti da parte degli afroamericani è anche merito suo.
Henry Ford

Inventore della catena di montaggio e fondatore dell’omonima azienda automobilistica. Grazie a lui le automobili divennero sempre più economiche e diffuse.
Maria Montessori

L’ideatrice del cosiddetto Metodo Montessori, uno stile di insegnamento scolastico adottato in quasi tutto il mondo.
Sigmund Freud

L’inventore della psicanalisi. Grazie a lui sono stati svelati numerosi meccanismi della mente, compresi i sogni e l’inconscio.
Marie Curie

Premio Nobel per la Fisica nel 1903 per i suoi studi sulle radiazioni e poi, nuovamente, premio Nobel per la Chimica per la scoperta del polonio e del radio.
Papa Francesco

Il pontefice più rivoluzionario che piace pure ai laici. Bergoglio è un papa moderno che si comporta come un semplice parroco e non come un monarca.
Ludwig van Beethoven

Precursore del romanticismo musicale, il compositore e pianista tedesco ha fatto la storia della musica occidentale, ispirando tutt’ora numerosi musicisti.
Harvey Milk

Il primo politico americano dichiaratamente gay. Attivo per i diritti degli omosessuali, è stato assassinato insieme al sindaco di San Francisco da un collega consigliere comunale.
Louis Pasteur

Chimico e biologo francese, a lui si deve l’invenzione della pastorizzazione, il processo di eliminazione di microbi dagli alimenti. Lo scienziato è considerato il padre della microbiologia moderna.
Georges Méliès

Regista, illusionista e attore. Al cineasta francese si deve l’invenzione del cinema fantascientifico e fantastico e degli effetti speciali.
Maria Teresa di Calcutta

La piccola suora vicina ai più sfortunati. La religiosa albanese, premio Nobel per la Pace, è stata la fondatrice della congregazione delle Missionarie della Carità.
Franco Basaglia

Suo il merito di aver abolito i manicomi in Italia. Medico rivoluzionario, ha posto fine alla barbarie degli istituti psichiatrici, grazie alla legge che porta il suo nome.
Hedy Lamarr

Attrice di Hollywood, ma anche scienziata. Durante la seconda guerra mondiale, mise a punto unsistema di crittografia delle informazioni, alla base della telefonia mobile attuale.
Galileo Galilei

Il padre della scienza moderna e inventore del telescopio. Tra i suoi meriti, l’aver sostenuto la teoria eliocentrica e quella copernicana.
Indira Gandhi

Politica indiana, senza nessun legame di parentela con il Mahatma. Fu primo ministro indiano nel 1966 e nel 1980. Ha governato il paese in un periodo delicatissimo della sua storia.
Ernesto Che Guevara

Rivoluzionario argentino, divenuto celebre per aver collaborato con Fidel Castro nella liberazione di Cuba dal regime di Fulgencio Batista.
Eleanor Roosevelt

Moglie del presidente degli Stati Uniti, Frank Delano Roosevelt, è ricordata per il suo impegno per i diritti civili e nel movimento femminista.
Antonio Meucci

L’inventore del telefono, ma non solo. Meucci ha lavorato su diversi progetti, compresi sughi per la pasta e bibite frizzanti.
Florence Nightingale

Infermiera inglese considerata l’ideatrice dell’assistenza infermieristica moderna. Fu la prima persona ad applicare la statistica come metodo scientifico per l’assistenza.
Guglielmo Marconi

Fisico e inventore italiano a cui viene attribuita la paternità della comunicazione telegrafica senza fili, da cui ha avuto origine la radio, ma pure la televisione.
Golda Meir

Prima donna a diventare premier dello stato di Israele. Durante il suo mandato si trovo a fronteggiare situazioni difficili, come la crisi petrolifera conseguente alla guerra del Kippur.
Dalai Lama

Tenzin Gyatso è l’attuale Dalai Lama, monaco buddhista capo politico e spirituale del Tibet. Dal 1959 è esiliato in India, a causa dell’occupazione cinese in Tibet.
Frida Kahlo

Spregiudicata e apertamente comunista, la pittrice messicana è stata una donna davvero rivoluzionaria, non solo nella sua arte, ma anche nella vita.
David Frost

L’uomo che riuscì a far ammettere a Nixon di aver agito fuori dalla legge. L’anchorman britannico è conosciuto soprattutto per la memorabileintervista al presidente dello scandalo Watergate.
Coco Chanel

La stilista che ha ideato abiti per la donna che lavora. Sobrio e funzionale, il suo stile è tutt’ora sinonimo di eleganza senza fronzoli. Lei l’inventrice del tubino nero e dei pantaloni femminili.
Cristiaan Barnard

Il primo trapianto di cuore della storia è stato compiuto in Sud Africa nel 1967. Il chirurgo era Barnard, che nel giro di poco tempo diventa famoso a livello internazionale.
Anna Frank

Il diario di Anna Frank è uno dei libri più letti al mondo. Senza saperlo, questa ragazzina uccisa in un campo di concentramento, è diventata ilsimbolo dell’orrore del regime nazista.
Alexander Bell

Insieme a Meucci, è il padre del telefono. Fu lui il primo a brevettarne un modello funzionale, ma non ne volle mai uno nel suo studio.
Margaret Thatcher

Figura controversa della politica inglese, ha avuto il merito di cambiare la visione della donna al potere. Primo ministro non amatissimo, ma certamente abile e deciso.
Rita Levi Montalcini

Premio Nobel per la Medicina nel 1986, la neurologa italiana è stata un modello per tante scienziate. Fu anche la prima donna ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze.
Martin Lutero

Il padre del Protestantesimo, una corrente cattolica ora diffusa nei paesi anglosassoni. La riforma protestante diede uno scossone alla chiesa del 1500.
Amelia Earhart

Aviatrice statunitense, nel 1932 fu la prima donna ad attraversare gli Stati Uniti, senza fare scali. Questo è solo uno dei tanti record raggiunti nella sua breve vita.

 

Dal web (www.tuttogratis.com)

Recensione da Giant Thoughts News

Eccomi qua dopo tantissimo tempo.
Stasera ho finito di leggere questo libro di racconti scritto da Sabrina Biancu e volevo spendere due parole a favore dei cinque racconti in esso contenuti.

Quando ho iniziato a leggerlo ho pensato che fosse un libro per bambini, ma andando avanti con la lettura ho capito che le parole impresse al suo interno inviano pensieri di diverso genere e contesto.
Mi sono trovata catapultata in cinque diverse ambientazioni, personaggi, storie e avvenimenti paranormali – religiose, perché le varie narrazioni se pur brevi sono scritte molto bene e hanno un filo logico preciso dando al lettore la possibilità di conoscere gli eroi, la loro storia e la soluzione finale, intrinseca di consigli e insegnamenti che ognuno di noi dovrebbe seguire durante il proprio cammino.

Reputo il messaggio morale molto importante, soprattutto quando ci si accosta a questo tipo di letture e mi congratulo con Sabrina per aver espresso al meglio tale dettaglio.

Le storie sono molto diverse tra loro, ma allo stesso tempo simili: troviamo bambini, giovani e anziani che a loro fianco hanno ‘aiutanti’ di ogni genere dall’usignolo alla stella cadente. Il fatto che il libro si presenti con tale semplicità non implica che sia facile leggerlo, ovvero le poche pagine che racchiudono un racconto sono molto dettagliate e ben definite dando al lettore la giusta dose per poter capire la vicenda del singolo personaggio.

Per quanto non segua questo genere di libri sono felice di averlo letto e soprattutto di aver capito di non essere l’unica al mondo a pensare in una determinata maniera.

Il filo fantasy-reality che si presenta mentre leggiamo le varie storie è molto utile al fine di non rendere la lettura una linea retta – sono dell’idea che la fantasia vada usata al 100% quando si scrive – e mantenga la comprensione su un livello comico – umoristico e allo stesso tempo serio – reale.

I racconti naturalmente sono racchiusi in una cornice che fa da storia principale, da epilogo e prologo. Il libro può essere letto sia da un bambino che da un adulto perché quello che viene detto e che ciò Sabrina – credo – voglia farci capire sia il “senso della vita” visto da occhi di personaggi diversi, i quali si fanno carico di grandi responsabilità, ma che alla fine trovano la giusta strada; quindi, per concludere, non lo classificherei in un genere specifico proprio per la molteplicità di argomenti e situazioni presentate che ci fanno riflettere sugli aspetti reali della vita.

Molti scrittori del passato hanno usato il genere fiabesco, fantasy, sovrannaturale ecc. per poter trasmettere un messaggio reale e credo che Sabrina abbia voluto seguire la medesima strada rendendo perfettamente l’idea del messaggio morale che voleva farci arrivare.

Voto: 9
Consiglio di Lettura: Confermato.

 

 

http://giantthoughtsnews.blogspot.it/2016/04/recensione-libri-il-mondo-dellaltrove.html?m=1

Pubblicità a un blog: LE AVVENTURE DI TUTTO

Cari amici sognatori,

Oggi farò una cosa che non ho mai fatto prima, ma quando me l’hanno proposto l’idea mi è piaciuta molto. Oggi faccio pubblicità a un blog.

Eccolo! Visitarlo, iscrivetevi!

 

https://aven90.wordpress.com/

 

Vi do qualche informazione presa dal blog!

Hey There!

Sì, ho appena detto “Ciao lì” e non me ne pento.

Mi chiamo Andrea, vengo da Palermo e sono uno scrittore comico. Sono partito da EFP, il sito per pubblicare fanfiction e adesso mi trovo in… proprio, per pubblicare tutto.

“Tutto” vuol dire davvero tutto: tutorial, balli, storie, ricette… qualsiasi cosa che è raccontabile, io la racconterò! Questo perché mi piace quando riesco a strappare un sorriso e soprattutto quando me lo dite tramite messaggio:)

Ho scritto un libro, ho una pagina faccialibroe potete trovarmi persino su gmail, ma il punto di forza sono i miei articoli! Perciò lasciatevi guidare dal vostro lato nonsense e, se vi ho strappato un sorriso, votatemi su Net Parade! E diventate cittadini iscrivendovi!

Inoltre, questo blog ha come presidente Mister Bean, l’inno nazionale è “Parole parole” di Mina e soprattutto è una repubblica fondata sul demenziale, che venera il panino con la milza.

Quindi, che aspettate? Iscrivetevi e fate iscrivere tutti quelli che conoscete!

 

Grazie per l’attenzione! 😊

Recensione da Strawberries and Books

header basso 3

Vi lascio alla recensione di un romanzo molto particolare, nato dalla penna di un’autrice esordiente tutta italiana! Enjoy it ❤

84f51-received_10206040142182130

Titolo: Il mondo dell’altrove

Autore: Sabrina Biancu
Editore: Marco del Bucchia Editore
Data di pubblicazione: luglio 2015
Prezzo: € 12,00
Trama: Cinque racconti – in cui fantasia e realtà si mescolano – capaci di trasportare il lettore in un altro mondo, in un luogo magico. Capaci di farlo sognare. Ogni cosa è viva e insegna qualcosa d’importante. E ciascuna storia si trasforma nella tappa di un viaggio in cui si cresce e si matura a fianco di Elia, Rosy, Tea, Pietro, Desideria, André e della stellina Irina.


Il mondo dell’altrove di Sabrina Biancu è stata la mia prima raccolta di racconti. Non mi sono mai confrontata con una narrazione breve e spezzata, ma ho sempre affrontato trame lineari e fluide. Pensandoci su, scrivere una raccolta di racconti non è affatto semplice, perchè l’autore deve essere in grado di racchiudere in una manciata di pagine l’essenziale e quel qualcosa in più in grado di catturare il lettore. E in questo Sabrina Biancu se l’è cavata molto bene. Il mondo dell’altrove è senz’altro un libro che scorre rapido, si legge in una manciata di ore, ma non per questo si tratta di un libro leggero.
Che cosa c’è? Chiese la voce. “Ho paura” rispose il bambino con una flebile voce. Di cosa? Di crescere. Come mai? I grandi vogliono che dimentichi la fantasia e l’immaginazione. Mi chiedono di essere chi vogliono loro.Attraverso questi 5 racconti l’autrice si pone l’obiettivo di mostrare al lettore quanto possa essere bella la vita e soprattutto quanto sia importante il significato che noi gli attribuiamo con i nostri gesti e le nostre decisioni. Queste 116 pagine sono infatti disseminate di messaggi, consigli, inviti, frasi forti e colme del desiderio di trasmettere insegnamenti importanti. Tra tutte le storie, la mia preferita è sicuramente la prima, probabilmente perchè è stata quella in cui mi sono rispecchiata di più. Io, pessimista per eccellenza, mentre leggevo di Nico mi sembrava di leggere di me stessa. Io, che alla fine mi sono ritrovata a fare il tifo per Elia e il suo sogno. Così ogni racconto parla al cuore del lettore in modo diverso, in base alle proprie esperienze e al proprio carattere. E ognuno grida un messaggio diverso. Se Nico ed Elia ci insegnano a credere in noi stessi e nei nostri sogni, condividendo il valore dell’altruismo, Rosy e Quicky ci spiegano l’importanza di imparare dai propri errori. Abbiamo poi Pietro e Tea che ci mostrano quanto sia forte il potere dell’amore, Desideria e Andrè che ci ricordano come siano i valori in cui crediamo a definire noi stessi e infine Irina che ci insegna a rialzarsi dopo una battuta d’arresto e a lottare per noi stessi.
La stanza, da buia, era diventata un caleidoscopio di colori, di tutti i colori dell’arcobaleno e anche di più che rappresentavano ogni emozione, ogni sensazione, ogni stato d’animo provato nel periodo in cui era stato via.”Ogni storia è poi arricchita di un elemento magico, che crea vivacità e richiama un po’ le favole che tanto amavamo da bambini. E a pensarci bene, rivolgere Il mondo dell’altrove a un pubblico infantile, potrebbe essere uno strumento di crescita valido, magari arricchendolo anche con qualche disegno. Nel mondo creato dalla Biancu, però, c’è un elemento che non mi ha convinto. Ho sentito infatti la mancanza di un filo conduttore che legasse insieme i 5 racconti e desse loro continuità. La presenza di un prologo e un epilogo non sono stati sufficienti a tenere insieme la storia, mentre passavo da un racconto all’altro sentivo il bisogno di un qualcosa in più, di un legame.
A conti fatti Il mondo dell’altrove è un libro che consiglieri a tutti, con particolare attenzione per coloro che cercano storie significative che vogliono far sentire la propria voce

Recensione da Quello che le Copertine non Dicono

 header_2

Pillole di felicità

Credete nel destino? Credete nella probabilità che tutto accada per una ragione?

Io si, e il libro di Sabrina Biancu è arrivato nel posto giusto al momento giusto, ad iniettarmi direttamente nelle vene una sana dose d’ottimismo.
“Il mondo dell’altrove” è una raccolta di cinque favole con una morale comune: non si è mai soli, anche nei momenti più bui della nostra esistenza, quando le speranze sono ormai perse e si è convinti che non valga più la pena lottare.
Si parte quindi con la storia di due amici, Elia e Nico, il primo sul lastrico, abbandonato dalla famiglia e senza lavoro trova conforto nel ristorante di Nico; durante i loro pranzi condivideranno, oltre a dell’ottimo cibo, anche considerazioni sulla vita proprie dell’autrice, una donna ottimista di natura, finché Elia non otterrà le capacità necessarie per aiutare il prossimo. Il libro continua con la storia di Rosy, una bambina troppo capricciosa, e il suo anatroccolo in missione speciale; segue poi l’avvincente storia della signora Tea maltrattata dal suo bel giardino di rose, a testimonianza di come non basta essere belli fuori per esserlo dentro.
Le ultime due favole hanno come argomento principale l’amore, affrontato dall’autrice sotto due aspetti particolari: si parte con la vicenda di André, un giovanotto che cerca in tutti i modi di aiutare la sua amica Desideria a comprendere che “essere belli” non vuol dire avere un viso di porcellana e che il vero amore non bada alle apparenze fino ad arrivare all’ultima protagonista, Irina, una piccola stellina che arriva in soccorso di un cuore ormai disilluso.
Lo stile spazia da quello prettamente colloquiale ad uno forse un po’ troppo artificioso, che però riesce a mantenere costante l’attenzione di chi legge.
Nel corso di questo viaggio Sabrina Biancu ci lascia tanti piccoli accorgimenti per essere felici: non perdere mai la speranza, essere sempre ottimisti, avere fiducia soprattutto in sé stessi (prima di averne nel prossimo, ovviamente), avere il coraggio e la tenacia di inseguire i nostri sogni anche quando tutti ci dicono che stiamo sbagliando, essere responsabili verso chi amiamo, ma soprattutto essere grati di ciò che si ha, anche e soprattutto delle cose più scontate.

Titolo: Il mondo dell’altrove
Autore: Sabrina Biancu
Editore: Marco Del Bucchia Editore
Adatto a: bambini e adulti che vogliono ricominciare a sognare
Che faccio, compro?: Assolutamente si, l’ottimismo d’altronde è il profumo della vita.

 

 

http://quellochelecopertinenondicono.blogspot.it/2016/04/pillole-di-felicita.html?m=1

Recensione da Gli Alberi da Libri

Header2
Ringrazio tantissimo Sabrina di avermi scelta per recensire Il mondo dell’altrove. La sua lettura è stata dolce, intensa e carezzevole. Spero di leggere altre sue storie!
PRO
. Soavità dei racconti
. Fatti di vita quotidiana riadattati in chiave fantastica
. Stile di scrittura favolistico
CONTRO
. Non riscontrati!

Titolo: Il mondo dell’altrove

Autrice: Sabrina Biancu
Editore: Del Bucchio
Pubblicato il 31 ago. 2015
Pagine: 116
Genere: Antologia/Racconti fantastici
Formato di lettura: E-book


Il mio pensiero…
Il Mondo dell’Altrove raccoglie 5 racconti fantastici:1. Il ristorante della speranza
2. Rosy e l’anatroccolo
3. La rosa bianca 
4. Lo spirito della fonte

5. La piccola stellina

Apparentemente, le storie non sono collegate tra loro, infatti ognuna ha una propria trama, proprie ambientazioni e propri personaggi. Tuttavia, tutti i racconti sono stati scritti con lo stesso obiettivo: spingere «chi legge a credere che un riscatto e una nuova possibilità siano sempre possibili». Tanti, infatti, gli insegnamenti presenti in questa splendida antologia: il potere dell’amicizia e del cambiamento, il saper cogliere le opportunità, la fiducia negli altri ma prima in se stessi, la gioia dell’amore che va al di là delle apparenze, il rispetto per le diversità…

Inizialmente, credevo di star leggendo storielle per bambini molto piccoli. Questo perchè la scrittura sembrava semplice, elementare, quasi infantile, ma, continuando nella narrazione, mi sono accorta che tutto ciò che credevo puerile era invece fiabesco, mentre la disarmante semplicità si è trasformata in mirabile poesia. In poche pagine sono stata totalmente catturata dallo stile dell’autrice.

Mi sono rispecchiata tantissimo nel bambino del prologo la cui paura di crescere spinge un misterioso narrante a raccontare le 5 storie fantastiche.

Che cosa c’è? chiese la voce.
“Ho paura” rispose il bambino con una flebile voce.
Di cosa?
Di crescere.
Come mai?
I grandi vogliono che dimentichi la fantasia e l’immaginazione. Mi chiedono di essere chi vogliono loro.
Sai, puoi non farlo.
E come?
Tieni sempre accesa la tua mente, non smettere mai di inventare storie e di rifugiarti in esse quando vuoi.

Come non biasimare questo giovane sognatore che ha paura di diventare un freddo e adulto calcolatore? Le storie insegnano, quindi, che nessuno sarà mai costretto a smettere di sognare se non è lui il primo a dimenticarsi come si fa. L’immaginazione risiede dentro e attorno a noi, dobbiamo solo tenere a mente questo e il resto verrà da sé.

Tutte e 5 le storie mi sono piaciute tantissimo perchè raccontano situazioni di vita drammatica ma in modo leggero e soave. Ne Lo spirito della fonte, ad esempio, una ragazza deturpata decide di ritirarsi a vita privata per finire la propria esistenza sola, senza gli sguardi indagatori degli estranei. Un suo caro amico d’infanzia non accetta che una persona tanto meravigliosa dentro possa lasciarsi sopraffare così da semplici dettagli di estetica. L’amore, la determinazione e la fedeltà dell’uomo riusciranno a mutare l’infelicità della donna.

Penso che Sabrina Biancu, con questo suo primo libro, si erga a custode di coloro che si sentono indifesi, senza speranza, sofferenti e li voglia aiutare a ritrovare la strada per la rinascita. Terminato il libro, infatti, ho percepito che queste storie le avrei rilette ancora: forse quando sarò triste o qualcosa mi sarà andato storto, per tirarmi su di morale o per trovare una soluzione a un problema. In ogni caso sono davvero felice di aver avuto la possibilità di leggere Il Mondo dell’Altrove. Mi sembra di aver indossato una calda e morbida coperta che mi proteggerà dalle avversità della vita d’ora in poi.

Ecco alcune delle belle citazioni del libro:

“Cerca di essere ottimista e vedrai che le cose andranno meglio. Devi solo avere fiducia”.
“La bellezza esteriore non serve a niente se l’interno è vuoto”.
“Non m’importa nulla del tuo aspetto, non è una bella faccia che fa grande una persona!”

Spero di avervi raccontato una bella storia:)

Recensione di The Time of my Life

altro tent

TITOLO: Il mondo dell’altrove
SCRITTRICE: Sabrina Biancu
PAGINE: 116
ANNO: 2015
VOTO: 31⁄2
CASA EDITRICE: Del Bucchia
PREZZO: 12 euro (cartaceo)

TRAMA: Cinque racconti – in cui fantasia e realtà si mescolano – capaci di trasportare il lettore in un altro mondo, in un luogo magico. Capaci di farlo sognare. Ogni cosa è viva e insegna qualcosa d’importante. E ciascuna storia si trasforma nella tappa di un viaggio in cui si cresce e si matura a fianco di Elia, Rosy, Tea, Pietro, Desideria, André e della stellina Irina.
*.:。✿*゚’゚・✿.。.:* *.:。✿*゚’゚・✿.。.:* *.:。✿*゚’゚・✿.。.:*
Raramente accetto di leggere opere di scrittori emergenti un po’ a causa di una “brutta” esperienza e un po’ … beh, vi sembrerò cattiva, ma non tutti nascono con il dono di saper scrivere e non sto parlando di riuscire a mettere due parole in fila quanto piuttosto di raggiungere ed emozionare il cuore dei lettori attraverso le loro storie.

Il più delle volte, però, rimango piacevolmente sorpresa e soddisfatta dalle mie scelte. È successo con Luce Opaca di Patrick Poini, Le Porte di Eterna. Il Principe del Drago di Chiara Piunno e adesso con Il mondo dell’altrove di Sabrina Biancu.

Non so spiegarvi il perché ho scelto proprio questo titolo né tanto meno perché, anche se stavo già leggendo un altro libro e prima ancora di rendermene conto, avevo dato la precedenza a questo.
Non è nemmeno il mio genere ma voglio ringraziare di cuore questa scrittrice di avermi dato l’opportunità di conoscere un pezzettino della sua anima.

“È difficile credere ciecamente in una cosa quando tutto va al contrario di come vorresti.”

“Però potresti provarci. Pensa che le cose potrebbero migliorare ora che hai trovato me.” Affermò Nico mostrando un sorriso che metteva in mostra una fila di denti perfetti “secondo me qualcosa hai fatto, hai voluto e desiderato incontrarmi. Magari non pensavi proprio a me in particolare, ma a una qualunque persona che ti aiutasse! Però posso dirti che, inconsciamente, mi hai cercato.”

“Funziona così?” chiese Elia  perplesso.

“Certo. Attiri a te ciò che ti serve e l’universo ti ascolta, credimi.”

Il mondo dell’altrove non è semplicemente un insieme di racconti. Ogni capitolo porta con sé un insegnamento, una riflessione, qualcosa di utile nella vita di tutti i giorni: come, ad esempio, lottare sempre per i propri sogni, non abbandonare la speranza, aiutare il prossimo senza chiedere qualcosa in cambio, e così via.
Sono cinque vere e proprie favole adatte ai lettori di tutte le età. Poche ma intense pagine che, in un modo sottile, ci fanno desiderare di essere un po’ meno egoisti, di aver fiducia, di essere altruisti e compassionevoli.

Quando penso al modo di scrivere di Sabrina Biancu mi vengono in mente queste parole: semplice, delicato, dolce e, in un certo senso, puro … quasi fanciullesco.

Sfortunatamente, ci sono molti errori che hanno reso la lettura a tratti faticosa. È un difetto che mi aspetto di trovare nelle opere dei giovani scrittori che, dalla fretta di pubblicare il loro lavoro, non hanno la pazienza di rileggere tutto. Quando, però, ci troviamo di fronte a libriapprovati dalle case editrici il discorso cambia; ma, se ci dimentichiamo di questo piccolo particolare, vi consiglio caldamente di leggere questo tenero romanzo.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑