la tenacia della natura

Qualsiasi sogno merita rispetto, perché è un desiderio che spesso si coltiva da tutta una vita.

Per alcuni è più facile e veloce realizzarlo, per altri, ahimè, la strada è lunga e tortuosa. Durante il percorso dobbiamo ricordarci di continuare a camminare, a volte ci si può fermare a riposare ma dobbiamo proseguire un passo dopo l’altro.

Ho imparato che la strada dello scrittore, come ogni lavoro, è disseminata di ostacoli, ci sono poi le persone che cercano di indurci in tentazione con scorciatoie veloci e squallide, ma se riusciamo a non farci trarre in inganno e proseguiamo imperterriti verso il nostro cammino, il dono finale sarà qualcosa di speciale.

Durante questo faticoso ma bellissimo viaggio sto conoscendo persone meravigliose, disposte a credere in me e dare fiducia al mio lavoro, che mi stanno ripagando con bellissimi giudizi sulla mia opera. Non posso che essere grata a ognuno di loro e non deludere le aspettative che hanno riposto in me.

La cosa più importante da tenere a mente, non solo per uno scrittore ma per qualsisi persona, è L’UMILTÀ.

Non dobbiamo mai dimenticare chi siamo e da dove siamo partiti, la famiglia che abbiamo avuto alle spalle e i valori che ci sono stati inculcati, conditi dalle parole “per favore”, “grazie” e “scusa”. Un vero uomo non si giudica da quanti sbagli fa ma da quante volte ammette l’errore. Tutti siamo fragili e ognuno vorrebbe essere a modo suo perfetto, ma la perfezione non esiste, dobbiamo rendercene conto.

Quindi, in qualsiasi lavoro, in qualunque situazione stiamo con i piedi per terra, nessuno nasce con un piedistallo sotto le scarpe e nessuno è così importante da poter essere considerato di più rispetto a un altro. Questo è da tenere a mente!

Partire con umiltà prima di tutto.

Seconda cosa, non solo per uno scrittore ma per chiunque voglia perseguire un obbiettivo è la TENACIA.

Bisogna essere persevernti e provare e riprovare per arrivare a raggiungere una meta. Nessuno bussa a casa con la guida di come ce l’ha fatta nella vita, ognuno sa cosa deve e non deve fare, quindi occorre solo impegnarsi e andare avanti.

Parlo per esperienza, man mano che decidevo come pubblicizzare il mio libro si apriva una strada, poi un’altra, e questa portava a una nuova scoperta. E come in un grande puzzle ho capito che pezzi prendere per comporlo, poi mi veniva dell’altro in mente; ma, intanto, ero partita da un’idea nella mia testa che ho deciso di seguire.

Questo funziona per ogni sogno, ogni lavoro, e tutto ciò che desideriamo.

Il terzo importante valore è l INTEGRITÀ MORALE.

In qualsiasi momento della vita passiamo sentirci frustrati se vediamo i nostri sogni sospesi a mezz’aria, senza sapere bene che fare e quanto ci vorrà.

Se vi viene voglia di trovare scappatoie, non fatelo! Non ne vale la pena e poi vi può ulteriormente penalizzare e rallentare nelraggiungimento dell’obbiettivo.

Ricordatevi,  tagliando per i campi perderemo la bellezza di assaporare il paesaggio.

Parlo per esperienza diretta, pure io a un certo punto ho visto un miraggio, un’oasi che pareva felice ma in realtà non lo era. Mi sono affidata a un editore a pagamento e lì è cominciato l’esodo. Non si faceva sentire, trovarlo era un’impresa e nessuno dava importanza al mio libro perché, giustamente, chi da credito a qualcuno che ti chiede soldi invece di aiutarti a farli?

Così sono stata ferma, nell’attesa che il contratto accadesse, e la scorciatoia mi si è ritorta contro. Mi sono pentita e non scenderò più a nessun tipo di compromessi.

Quando vi viene voglia di prendere la strada che sembra più veloce, ripensateci! Sicuramente ci saranno molte più insidie della strada più lunga. Non sappiamo mai cosa ci riserva il futuro, ma possiamo fare in modo che almeno sia piacevole e che le nostre scelte ci facciano dormire la notte e stare con la coscienza a posto.

Ultimo, ma non per importanza, SEGUI IL TUO CUORE.

Tu sai cosa vuoi, sei consapevole dei tuoi sogni, ti conosci meglio di chiunque altro e sono sicura che vuoi qualcosa con tutte le tue forze. Devi solo seguire il cuore!

Non è difficile, per chi non fosse abituato basta sedersi in silenzio e cercare di capire, farsi delle domande e aspettare le risposte.

Io ho capito all’età di otto anni cosa sapevo e volevo fare, ma ne ho preso piena consapevolezza solo a quindici. Eppure, dentro me, c’era una vocina che diceva di scrivere e tirare fuori ciò che avevo dentro.

La scoperta del campo più congeniale è stata lunga, eppure la vocina interiore mi ricordava di non mollare, e io non ho dovuto fare altro che ascoltarla. Sarà quel famoso sesto senso ma io sapevo di essere portata per scrivere.

Ora, dopo le prime dieci recensioni positive, posso dire che ho fatto bene a seguire la vocina e che non smetterò mai di farlo!

E ancora grazie a tutte le persone che mi accompagnano in questo viaggio!

Annunci