Header2
Ringrazio tantissimo Sabrina di avermi scelta per recensire Il mondo dell’altrove. La sua lettura è stata dolce, intensa e carezzevole. Spero di leggere altre sue storie!
PRO
. Soavità dei racconti
. Fatti di vita quotidiana riadattati in chiave fantastica
. Stile di scrittura favolistico
CONTRO
. Non riscontrati!

Titolo: Il mondo dell’altrove

Autrice: Sabrina Biancu
Editore: Del Bucchio
Pubblicato il 31 ago. 2015
Pagine: 116
Genere: Antologia/Racconti fantastici
Formato di lettura: E-book


Il mio pensiero…
Il Mondo dell’Altrove raccoglie 5 racconti fantastici:1. Il ristorante della speranza
2. Rosy e l’anatroccolo
3. La rosa bianca 
4. Lo spirito della fonte

5. La piccola stellina

Apparentemente, le storie non sono collegate tra loro, infatti ognuna ha una propria trama, proprie ambientazioni e propri personaggi. Tuttavia, tutti i racconti sono stati scritti con lo stesso obiettivo: spingere «chi legge a credere che un riscatto e una nuova possibilità siano sempre possibili». Tanti, infatti, gli insegnamenti presenti in questa splendida antologia: il potere dell’amicizia e del cambiamento, il saper cogliere le opportunità, la fiducia negli altri ma prima in se stessi, la gioia dell’amore che va al di là delle apparenze, il rispetto per le diversità…

Inizialmente, credevo di star leggendo storielle per bambini molto piccoli. Questo perchè la scrittura sembrava semplice, elementare, quasi infantile, ma, continuando nella narrazione, mi sono accorta che tutto ciò che credevo puerile era invece fiabesco, mentre la disarmante semplicità si è trasformata in mirabile poesia. In poche pagine sono stata totalmente catturata dallo stile dell’autrice.

Mi sono rispecchiata tantissimo nel bambino del prologo la cui paura di crescere spinge un misterioso narrante a raccontare le 5 storie fantastiche.

Che cosa c’è? chiese la voce.
“Ho paura” rispose il bambino con una flebile voce.
Di cosa?
Di crescere.
Come mai?
I grandi vogliono che dimentichi la fantasia e l’immaginazione. Mi chiedono di essere chi vogliono loro.
Sai, puoi non farlo.
E come?
Tieni sempre accesa la tua mente, non smettere mai di inventare storie e di rifugiarti in esse quando vuoi.

Come non biasimare questo giovane sognatore che ha paura di diventare un freddo e adulto calcolatore? Le storie insegnano, quindi, che nessuno sarà mai costretto a smettere di sognare se non è lui il primo a dimenticarsi come si fa. L’immaginazione risiede dentro e attorno a noi, dobbiamo solo tenere a mente questo e il resto verrà da sé.

Tutte e 5 le storie mi sono piaciute tantissimo perchè raccontano situazioni di vita drammatica ma in modo leggero e soave. Ne Lo spirito della fonte, ad esempio, una ragazza deturpata decide di ritirarsi a vita privata per finire la propria esistenza sola, senza gli sguardi indagatori degli estranei. Un suo caro amico d’infanzia non accetta che una persona tanto meravigliosa dentro possa lasciarsi sopraffare così da semplici dettagli di estetica. L’amore, la determinazione e la fedeltà dell’uomo riusciranno a mutare l’infelicità della donna.

Penso che Sabrina Biancu, con questo suo primo libro, si erga a custode di coloro che si sentono indifesi, senza speranza, sofferenti e li voglia aiutare a ritrovare la strada per la rinascita. Terminato il libro, infatti, ho percepito che queste storie le avrei rilette ancora: forse quando sarò triste o qualcosa mi sarà andato storto, per tirarmi su di morale o per trovare una soluzione a un problema. In ogni caso sono davvero felice di aver avuto la possibilità di leggere Il Mondo dell’Altrove. Mi sembra di aver indossato una calda e morbida coperta che mi proteggerà dalle avversità della vita d’ora in poi.

Ecco alcune delle belle citazioni del libro:

“Cerca di essere ottimista e vedrai che le cose andranno meglio. Devi solo avere fiducia”.
“La bellezza esteriore non serve a niente se l’interno è vuoto”.
“Non m’importa nulla del tuo aspetto, non è una bella faccia che fa grande una persona!”

Spero di avervi raccontato una bella storia:)
Annunci